ALLEVAMENTI IN EUROPA

In Europa ci sono circa 6.000 allevamenti di animali da pelliccia. Viene qui prodotto il 63% delle pelli di visone e il 70% delle pelli di volpe commercializzate in tutto il mondo.


La Danimarca è il paese con la principale produzione di pelli di visone, con circa 17 milioni di visoni uccisi ogni anno fornisce il 28% della produzione mondiale. Gl altri principali produttori europei sono Olanda, Polonia e i paesi scandinavi. La Finlandia per esempio è il paese con più alta produzione di pelli di volpe e il principale fornitore di queste agli Stati Uniti.
La maggior parte della produzione di pelli europee sono destinate all’export verso Cina e Russia, da tempo diventati principali poli di lavorazione e di vendita dei prodotti in pelliccia.



DIVIETI DI ALLEVAMENTO


Molti stati membri dell’Unione Europea hanno riconosciuto l’inerente crudeltà di allevare animali selvatici in gabbia e hanno cominciato a prendere provvedimenti per limitare o vietare questo tipo di allevamento:


– Olanda, Norvegia, Austria, Regno Unito, Croazia, Serbia, Slovenia, Macedonia, Repubblica Ceca, Lussemburgo, Bosnia e Belgio sono le prime 12 nazioni europee che hanno stabilito un divieto totale di allevamento di animali per farne pellicce.


- In Germania nel 2017 sono state imposte restrizioni che porteranno alla chiusura degli ultimi allevamenti nel 2023


– In Danimarca e Svezia è stato vietato l’allevamento di volpi.


– In Svizzera le leggi sul benessere degli animali da pelliccia sono talmente restrittive che non esiste alcun allevamento.


– Nell’Unione Europea dal 2017 è vietato l’allevamento di cane-procione, fino a quel momento usato in alcuni paesi per farne pellicce.


– L’Unione Europea ha vietato importazione e commercializzazione di pellicce di cane, gatto e foca


Speriamo di poter aggiungere il prima possibile l’Italia tra i paesi che hanno deciso di abolire l’allevamento di animali da pelliccia!
Sarà uno stimolo per un cambiamento legislativo in tutta l’Unione Europea.

Per riuscirci abbiamo bisogno anche del tuo aiuto:
iscriviti alla newsletter e partecipa alle mobilitazioni!

firma la petizione