Nuova indagine

AIUTACI AD ABOLIRE GLI ALLEVAMENTI DI VISONI:

Leggi il testo della petizione

FAI SENTIRE LA TUA VOCE!







 

Firmando accetti i termini, le condizioni e la policy privacy di Change.org
Grazie per aver firmato!
 

STOP PELLICCE

È ORA DI ABOLIRE
GLI ALLEVAMENTI DI VISONI

Desidero ricevere aggiornamenti

123767 PERSONE
HANNO GIà ADERITO

 
 

MORIRE PER UNA PELLICCIA

Per la prima volta in Italia abbiamo documentato gli allevamenti di visoni, con lo scopo di rendere visibili questi luoghi sconosciuti e nascosti, in cui ogni anno vengono uccisi 180.000 animali destinati a diventare pellicce.

Le nostre indagini hanno mostrato l'intero ciclo vitale di questi animali. Entrando negli allevamenti con telecamere nascoste abbiamo documentato la loro nascita, la loro vita in gabbia, la loro sofferenza e la loro uccisione all'interno di camere a gas.

VIDEO
 

UNA VITA IN GABBIA

La vita dei visoni negli allevamenti si svolge completamente in una gabbia di poche decine di centimetri quadrati, fatta di rete metallica e sospesa dal terreno.

Questi animali, che in natura percorrono chilometri ogni giorno e nuotano fino a diversi metri di profondità, non toccano mai l’erba con le zampe e non toccano mai l’acqua. La loro vita si svolge unicamente intrappolati all’interno di quelle maglie di ferro.

Lo stress derivante dalla prigionia provoca evidenti casi di aggressioni, violenze e persino automutilazioni. Molti sono i feriti e i morti nelle gabbie.Le fotografie scattate all’interno degli allevamenti italiani mostrano finalmente questa realtà.

LE FOTO
 

OBIETTIVO: ABOLIZIONE!

La nostre indagini hanno scosso l'opinione pubblica e dato nuova spinta a tutto il movimento per i diritti animali.

Dal lancio della campagna Visoni Liberi c’è stata una crescita di mobilitazione e tra divieti locali, mozioni regionali e progetti bloccati, i passi fatti sono stati molti. L’obiettivo è quello dell'abolizione di questi allevamenti, già ottenuta in 8 paesi europei.

Partecipa alle attività diffondi le indagini e rimani informato. I visoni hanno bisogno anche del tuo aiuto!

ULTIME NEWS